Lo scorso 3 Maggio in Polveriera sono stati presentati i due Summer Lab dedicati ai bambini e ragazzi reggiani, nel segno della inclusione, della capacità di relazionarsi, della scoperta, dell’ apprendere a sentirsi unici e speciali sempre.

Il Mauriziano e la Polveriera, ma anche la città tutta, saranno il teatro di una vasta serie di esperienze progettate per lasciare un segno indelebile nei piccoli partecipanti al Summer Lab, dei veri semi di “…crescita attraverso le relazioni, il prendersi cura di tutti i compagni di viaggio, anche di quelli con disabilità

In occasione dell’Open Day in Polveriera si sono illustrate le modalità organizzative dei due laboratori, ma soprattutto le idee progettuali che sono state sviluppate in moduli operativi e che costituiscono il vero e proprio itinerario ideale di ciascun laboratorio.

Al Mauriziano tutto ruoterà sulla figura dell’ Ariosto e dei personaggi creati dalla sua fervida immaginazione e sul Parco.

Cinque i moduli previsti, che porteranno dall’ esplorazione del luogo e degli aspetti naturali lì insiti, attraverso i cinque sensi, per elaborare poi creativamente i frutti delle proprie ricerche, alla osservazione di tracce, nidi, orme di animali presenti in loco, per pervenire all’ ideazione di animali fantasiosi, ispirati all’ Ippogrifo ariostesco.

Il terzo modulo porterà  a conoscere l’ aspetto più “umano” dei personaggi, cavalieri, eroi, guerrieri, da sempre considerati invincibili e perfetti, ma trasformati, dall’ ironia e dalla fantasia dello autore, in esseri fragili, con limiti e debolezze, ma sempre unici e pertanto indelebili nella nostra memoria.

Nel quarto modulo, la Luna, sede del senno di Orlando, sarà il pretesto per osservazioni scientifiche, ma soprattutto per esperienze di narrazioni, in cui confluiranno anche l’ uso della musica e della corporeità.

“La storia di un’ estate” concluderà l’ esperienza del laboratorio al Mauriziano,facendo confluire gli aspetti più apprezzati e motivanti  del cammino svolto in un’ analisi di quanto si sia cresciuti in autonomia, relazioni e competenze grazie al Summer Lab.

Quattro sono i moduli progettati per il laboratorio alla Polveriera.
“Sguardi oltre il limite”porterà a scoprire un nuovo modo di guardare alle cose che ci circondano, complici anche la nostra immaginazione, la manipolazione di immagini fotografiche, viaggiando tra i Musei Civici e Fotografia Europea, tra  spazi aperti naturali, angoli speciali della città, in noi stessi.

“Non solo cemento”sarà un viaggio urbano alla scoperta di straordinari frammenti di Reggio Emilia,che mai  abbiamo saputo cogliere. Laboratori sensoriali, cacce al tesoro, skarrozzate, visite…, per un’ avventurosa  scoperta di luoghi che, in tal modo, diverranno “nostri”.

“Oltre i sapori!”, per abbattere le barrieredei sapori.

Gusto e disgusto, cibi dell’ antica tradizione reggiana a confronto con cibi di altre culture, scoperta di  nuovi sapori e del  rispetto delle regole di una coltivazione sana e biologica, attenzione alla stagionalità dei prodotti, per una consapevolezza alimentare capace di apprezzare anche la diversità dei gusti.

“Artigiani senza barriere”, questo il titolo dell’ ultimo modulo, è un invito a superare i limiti della comodità per guadagnare un tesoro, la soddisfazione di un oggetto fabbricato da noi.

Immaginare e plasmare oggetti unici, come sapientemente fanno gli artigiani ancora attivi nella nostra città,  è dar forma ad un’idea trasformandola in realtà, per un prodotto unico e speciale, come unico e speciale è ognuno di noi.

A questo link trovate informazioni su date e costi, oltre ai contatti per chiedere ulteriori informazioni o iscriversi ai due Summer Lab.

 

 

In questa storia