Ci eravamo lasciati con i preparativi d’ un viaggio, con le variopinte valigie apprestate per la partenza, colme delle emozioni, delle aspettative e delle speranze dei loro proprietari.

Qui trovate il racconto della nostra partenza.

Quel viaggio degli ospiti del Centro diurno Anemos  è arrivato alla meta: viale Ramazzini 33.

L’ex Maffia, insieme ad altre strutture industriali dismesse, è tornato a nuova vita grazie agli accordi tra proprietari ed Amministrazione Comunale, per riconsegnare quei luoghi, riqualificati, alla cittadinanza, alle associazioni, alla cooperazione sociale.

Così quel luogo, parte d’ un quartiere che più d’ altri nel tempo  ha subito abbandono e degrado, è tornato a vivere grazie ad un prezioso ed attento lavoro di rigenerazione, che lo ha reso fruibile, bello, accogliente, rispondente alle esigenze dei nuovi ospiti.

Un gruppo musicale veramente speciale, il saluto delle autorità e dei responsabili del progetto, la partecipazione attenta e gioiosa di tanti Reggiani hanno festeggiato, con un open day domenica 28 maggio, l’ inaugurazione di questo nuovo centro socio occupazionale:

Viale Ramazzini 33.

Ora qui tutto parla di bellezza, di accoglienza, di opportunità di incontri ed esperienze per quei coraggiosi viaggiatori, che hanno saputo superare le incognite che ogni distacco comporta, per giungere in un luogo pensato per loro, per il loro benessere, la propria autostima, per la loro crescita sociale ed emotiva, per il sentirsi parte attiva di una società, quella reggiana, sempre più aperta a dare spazio e risposte ai loro bisogni più profondi.

Viale Ramazzini 33 via via si permeerà delle loro presenze, diventando sempre più simile non ad un’ isola, ma ad un promontorio, da cui spaziare per nuove sfide e nuovi progetti.

Buon viaggio a tutti voi.

In questa storia