E’ in corso  il Summer Lab 2017 al Mauriziano.

Gli alberi del parco ombreggiano gli spazi esterni in cui un bel gruppo di bambini, di differenti età ed abilità, trascorrono le calde giornate di questa estate che sta iniziando in modo “dirompente”.

Eppure lì, in quell’ oasi di frescura e di pace, le ore, anche le più calde, volano, piacevoli  ed intense, perché il tempo, lo sanno bene i piccoli, trascorre fin troppo veloce quando si compiono esperienze interessanti.

E lì, al Summer Lab, le esperienze sono davvero molteplici, interessanti e coinvolgenti, studiate per loro e per il luogo che li ospita.

Bambini di diverse età ed abilità, vengono seguiti da educatori che si occupano indifferentemente degli uni e degli altri, con estrema sensibilità e competenza.

Il luogo, non un luogo qualsiasi, ma uno degli edifici, il Mauriziano, e dei parchi, il parco del Rodano, più prestigiosi della città.

Lì le suggestioni possono e debbono essere infinite, come infinite sono le idee, le interpretazioni, le risposte dei bambini, che ne hanno prodotto delle mappature, differenti a seconda delle età e delle abilità di ognuno, ma tutte preziose nella loro unicità.

In quel luogo vivono specie animali varie e differenti ed  anche queste sono oggetto di studio.

Il rio Ariolo, “…il fresco rio che corre”, con i suoi gamberi di fiume diventa degno di grande attenzione, ma anche scoiattoli e altri animali non possono che incuriosire i bambini.

Gli edifici, antichi ed  affrescati, sono anch’ essi pieni di mistero.

Se poi, a svelare quei misteri, arriva un’ esperta dei Civici Musei, ebbene, a quel punto tutto diventa più chiaro, ma non meno suggestivo.

Ed ecco i bambini introdursi nell’ antro della ghiacciaia.

Con la sua bocca spalancata sembra invitarli ad entrare in quel luogo misterioso, che serviva a conservare i cibi al fresco del ghiaccio, insomma, un’ antesignana del nostro frigorifero, molto più capiente, ma a disposizione solo di famiglie ricche.

I paragoni tra la ghiacciaia ed il più democratico frigorifero si sprecano!

Anche la villa si vuole svelare ai piccoli ospiti.

Di fronte agli affreschi cinquecenteschi è bello sentire la storia di Griselda, a lieto fine!,  rappresentata nelle lunette del Camerino dei Poeti, poi osservare il grande camino e gli affreschi che parlano della villa e del suo giardino nel Camerino dell’ Ariosto, infine assistere ad episodi di guerra e scene di rovine nella Stanza degli Orazi, immaginandosi chissà quali altre storie, storie che saranno parte di narrazioni fantastiche, di rielaborazioni, di sempre nuove suggestioni, che non potrebbero prender vita in un altro luogo, se non nella dimora dell’ Ariosto, l’ immaginifico ideatore dell’ Ippogrifo, della Maga Alcina e di un Orlando pazzo per amore.

Un Summer Lab speciale, per le esperienze che qui i bambini vivono e perché capace di coinvolgere tutti i bambini, anche quelli disabili che vivono e sperimentano con i loro compagni nuove avventure ed esperienze in un viaggio che va oltre le barriere e capace di arricchire chiunque vi prenda parte.

Per visitare il Mauriziano, contattate i Musei Civici 0522 456477 per conoscere le prossime date delle visite già programmate alla scoperta del Mauriziano Ritrovato.

In questa storia